Archivi tag: Garage

There Will Be Blood – One To Nothing (autoprodotto/Ghost, 2012)

Loro li conosciamo già e il loro disco di esordio ha messo seriamente alla prova le nostre casse. Ora c’è qualcosa di nuovo: One To Nothing, quattro tracce di sangue & sudore come già sapevamo, tutte costruite attorno al diddley bow, che poi altro non è se non un rumoroso pezzo di legno con una corda e un pick-up. Registrato in un pomeriggio alla Sauna di Varese, spedito in Australia al domilio corrente del cantante per registrare le voci e rispedito indietro per essere distribuito da mamma Ghost Records. Bello, cattivo, dannatamente breve.

Streaming & download qui sotto. (altro…)

Pubblicato il Recensioni | Taggato come , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Three Steps To The Ocean – Scents (autoprodotto, 2012)

tstto-scents

Dopo un discreto periodo di silenzio tornano i Three Steps To The Ocean: Scents è il terzo titolo della loro discografia, registrato un paio mesi fa alla Sauna da Andrea Cajelli e masterizzato da Alan Douches (Mastodon, Sufjan Stevens, Misfts) al famoso West West Side Music. La durata è modesta (mezz’ora per cinque tracce, più un ep che un album) ma il contenuto è denso: rispetto al precedente Until Today Becomes Yesterday le sonorità ambient calano e le mazzate aumentano. (altro…)

Pubblicato il Recensioni | Taggato come , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

There Will Be Blood – Wherever You Go (autoprodotto, 2011)

This is the story of a man. A man who used to have everything. A house, a family, a life, a soul. And he lost it all. He made a choice, but he chose wrong. And trying to make up for his faults, he condemned himself. Now he wanders alone, along a dark road that goes nowhere. Wherever he goes, there will be blood.

Fossimo negli anni ’70 lo chiameremmo concept album, con tutto lo spettro di prog-rock prolisso e cervellotico che il termine si porta dietro. Ma in realtà quello che accade qui è semplicemente -si fa per dire- il Blues: non tanto le dodici battute, blue notes e V-IV-I-V, quanto il suo immaginario narrativo, il corpus di miti e leggende, di riti e tradizioni che è narrativa orale, popolare e popolata di topoi universali che vanno a costituire quell’immaginario mitologico/metafisico che sta dentro -giusto per prendere una goccia nell’oceano- la divertita e universalmente nota Hoochie Coochie Man. (altro…)

Pubblicato il Recensioni | Taggato come , , , , , , , | 3 Commenti