Archivi tag: Dischi

listography: I miei dischi del 2012.

Come l’anno scorso, circa. Non ilmegliodi, giusto diciannove (numero a caso) dischi che mi son rimasti in testa, per un motivo o per l’altro. Non c’è un ordine particolare, ma ogni  copertina rimanda ad un pezzo bello del disco.


jontalabot-fin
John Talabot – ƒIN
La chillwave è morta, lunga vita alla chillwave.

codychesnutt-landingonahundred
Cody ChesnuTT – Landing on a Hundred
Un compendio enciclopedico di negritudine.

dirtyprojectors-swinglomagellan
Dirty Projectors – Swing Lo Magellan
Non credo siano esseri umani.

goat-worldmusic
Goat – World Music
Etno-funk-sailcazzo. Un disco da fuori di testa, uno dei pochi davvero interessanti a questo giro.

beachhouse-bloom
Beach House – Bloom
Ti ci perdi.

jackwhite-blunderbuss
Jack White – Blunderbuss
I White Stripes non ci sono più, ma Jack si difende bene pure da solo.

drinktome-s
Drink To Me – S
Disco italiano dell’anno, punto.

afterhours-padania
Afterhours – Padania
Dopo quella schifezza dei I milanesi… neanche ci speravo più, e invece.

apash2012-blacker
Apash 2012 – Blacker
Mi ha fatto piangere.

calibro35-ogniriferimento
Calibro 35 – Ogni riferimento a persone o cose
Ci puoi contare, un po’ come l’amaro a fine cenone.

blackeyeddog-toomanylatenights
Black Eyed Dog – Too Many Late Nights
Li avevamo lasciati bravi, li abbiamo ritrovati fenomenali.

bsbe-doit
Bud Spencer Blues Explosion – Do It
Il blues di merda che non vuol morire, e per fortuna.

threestepstotheocean-scents
Three Steps to the Ocean – Scents
Badilate di gran classe.

dimartino-sarebbebello
Dimartino – Sarebbe bello non lasciarsi mai…
Ho un debole per i cantautori che urlano.

danielecelona-fioriedemoni
Daniele Celona – Fiori e Demoni
Neanche mi piaceva al primo ascolto, poi mi si è fissato in testa.

theplease-bittergospelsalongtheriverside
The Please – Bitter Gospels Along the Riverside
Bello, bello, bellissimo.

iltriangolo-tuttelecanzoni
Il Triangolo – Tutte le canzoni
L’estate, la provincia, il lago, il negroni con la vodka, i nostri farlocchi anni ’60.

ioriseyes-doublesoul
Iori’s Eyes – Double Soul
Neanche sembrano italiani, in senso buono.

ronin-fenice
Ronin – Fenice
Sempre loro, sempre bravissimi.

Pubblicato il Listography | Taggato come , , , | Lascia un commento

Tema: “La mia collezione di dischi”.

Raccolgo volentieri l’appello di bastonate, anche perché una roba così avevo già in testa di scriverla da un po’. So già che potrebbe venirne fuori un poema, ma sono disposto a correre il rischio (alla peggio scrivetemi sotto un tl;dr).

Svolgimento.

La mia collezione di dischi, non proprio sterminata, conta una settantina di vinili, una quarantina di 45 giri e un centinaio di cd. Poi c’è la collezione digitale che comprende -ad oggi- circa 900 album in FLAC e circa 13mila MP3. Ma questa è un’altra storia. (altro…)

Pubblicato il Miscellanea | Taggato come , , , , , , | 3 Commenti

listography: I miei dischi del 2011.

Ho un certo feticismo per le liste. La lista dei dischi dell’anno poi è imprescindibile. Questa è la mia prima volta: il criterio di scelta è una parte bellezza, due parti affetto.

(questa cosa dei ritagli di copertina è un poco rubata dal post di @TobWaylan su Junkiepop; a dire il vero gli ho anche fregato l’idea di linkare il mio pezzo preferito per ogni album)


Beirut - The Rip Tide

Perché è bello.

Feist - Metals

Perché ogni volta che Feist fa un disco ti apre il cuore in due.

Verdena - Wow

Perché è monumentale.

Brunori Sas - Vol. 2

Perché non si può non cantarlo a memoria.

Danger Mouse & Daniele Luppi - Rome

Perché Morricone sarebbe fiero.

Bon Iver - Bon Iver, Bon Iver

Perché certi arpeggini riverberati mi ammazzano.

Tsuna & The Shadowlands - Rightful Size Of Fear

Perché magari non lo conoscete ancora, ma ha fatto un disco stupendo.

Lykke Li - Wounded Rhymes

Perché se il pop fosse tutto così.

James Blake - James Blake

Perché ormai ha rotto le palle, però rimane un disco incredibile.

Primus - Green Naugahyde

Perché li ascolto da quando avevo 13 anni e non mi deludono mai. Mai.


Ecco, sapevo che sarebbe successo: mi sono accorto di aver colpevolmente lasciato fuori dal gruppo un disco importantissimo, uscito a gennaio e perciò involontariamente relegato all’annata precedente. Rimedio subito.

Iron & Wine - Kiss Each Other Clean

Perché smuoverebbe l’anima anche ai sassi.

Pubblicato il Listography | Taggato come , , | 2 Commenti