Archivi tag: Blues

There Will Be Blood – One To Nothing (autoprodotto/Ghost, 2012)

Loro li conosciamo già e il loro disco di esordio ha messo seriamente alla prova le nostre casse. Ora c’è qualcosa di nuovo: One To Nothing, quattro tracce di sangue & sudore come già sapevamo, tutte costruite attorno al diddley bow, che poi altro non è se non un rumoroso pezzo di legno con una corda e un pick-up. Registrato in un pomeriggio alla Sauna di Varese, spedito in Australia al domilio corrente del cantante per registrare le voci e rispedito indietro per essere distribuito da mamma Ghost Records. Bello, cattivo, dannatamente breve.

Streaming & download qui sotto. (altro…)

Pubblicato il Recensioni | Taggato come , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

facciocosevedogente: 6-12 febbraio

Foto fatta col cellulare, e ci tengo a dire NON UN IPHONE.

Ho colpevolmente ignorato l’agendina per tutto il mese di gennaio. Perdóno. Ho anche semi-ignorato il blog. Perdóno. Ora ritorno, giuro.
Intanto ritorna l’agendina dei concerti fighi a Varese e dintorni, da oggi in versione settimanale così non rischiate di perdervi nella spropositata offerta artistica della provincia.  Come bonus in fondo alla pagina la rubrica nella rubrica con la locandina più fffiga della settimana. (altro…)

Pubblicato il Faccio cose, vedo gente | Taggato come , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

There Will Be Blood – Wherever You Go (autoprodotto, 2011)

This is the story of a man. A man who used to have everything. A house, a family, a life, a soul. And he lost it all. He made a choice, but he chose wrong. And trying to make up for his faults, he condemned himself. Now he wanders alone, along a dark road that goes nowhere. Wherever he goes, there will be blood.

Fossimo negli anni ’70 lo chiameremmo concept album, con tutto lo spettro di prog-rock prolisso e cervellotico che il termine si porta dietro. Ma in realtà quello che accade qui è semplicemente -si fa per dire- il Blues: non tanto le dodici battute, blue notes e V-IV-I-V, quanto il suo immaginario narrativo, il corpus di miti e leggende, di riti e tradizioni che è narrativa orale, popolare e popolata di topoi universali che vanno a costituire quell’immaginario mitologico/metafisico che sta dentro -giusto per prendere una goccia nell’oceano- la divertita e universalmente nota Hoochie Coochie Man. (altro…)

Pubblicato il Recensioni | Taggato come , , , , , , , | 3 Commenti

facciocosevedogente: l’altra metà di dicembre

Come fosse inverno.

Passi le vacanze natalizie in città? Anche io, perciò ecco qui la nuova puntata dell’agendina. Non vi sto ad elencare le cose che ci sono da fare sotto Natale perché tanto sarete (saremo) tutti alle prese con l’ubriachezza Vov-indotta pre/durante/post-cenoni vari. Ecco dunque e senza indugi l’ultima settimana dell’anno di belle cose musicali. (altro…)

Pubblicato il Faccio cose, vedo gente | Taggato come , , , , , , , , , , | Lascia un commento

facciocosevedogente: da metà novembre a metà dicembre

Dopo la prima puntata ecco la nuova agendina dei concerti a Varese, edizione metà novembre-metà dicembre. Stavolta è anche un po’ più ordinata, divisa per settimane così magari ci si capisce qualcosa. (altro…)

Pubblicato il Faccio cose, vedo gente | Taggato come , , , , , , , , , , , , , , , , | 1 Commento